martedì 14 settembre 2021

ANNUNCIATI I TITOLI SELEZIONATI PER LA 39ESIMA EDIZIONE DI VALDARNOCINEMA FILM FESTIVAL 21 opere italiane e internazionali in concorso e 6 opere toscane fuori concorso per la storica manifestazione in programma dal 6 al 10 ottobre a San Giovanni Valdarno (AR)

 Testo alternativo


Sono state annunciate le opere in concorso e fuori concorso per la trentanovesima edizione del Valdarnocinema Film festival, che si svolgerà a San Giovanni Valdarno dal 6 al 10 ottobre p.v. Tra film, documentari, opere di animazione e fiction, il comitato di selezione, presieduto dal direttore artistico Paolo Minuto, ha scelto un totale di 21 lavori, italiani e internazionali, per la competizione. Questi i titoli in concorso nella sezione lungometraggi: THE ROSSELLINI'S di Alessandro Rossellini; ULTIMINA di Jacopo Quadri; TENERAMENTE di Gino Bianchi; MOLECOLE di Andrea Segre; PALAZZO DI GIUSTIZIA di Chiara Bellosi; LE SORELLE MACALUSO di Emma Dante. All’interno della categoria cortometraggi concorreranno invece: SOLITAIRE di Edoardo Natoli, I AM AFRAID TO FORGET YOUR FACE di Sameh Alaa, BROKEN ROOTS di ASIM TAREQ & SARAH ELZAYAT, MELINA di David Valolao; HO TUTTO IL TEMPO CHE VUOI di Franceso Falaschi; MAY I HAVE THIS SEAT? di Tabish Habib; GAS STATION di Olga Torrico; CARAMELLE ALLA MENTA di Linda Fratini; MY RIVER di Maria Elena Bonet; UNA NUOVA PROSPETTIVA di Emanuela Ponzano; SHERO di Claudio Casale; BUG di Isabella Infascelli; THE WEDDING CAKE di Monica Mazzitelli; EGGSHELL di Ryan William Harris; THE EAGLE OF CARTHAGE di Adriano Valerio. Nella sezione fuori concorso Spazio Toscana, riservata a registi nati o residenti in regione, saranno questi i titoli in proiezione: come lungometraggi la fiction QUASI NATALE di Francesco Lagi e il documentario AYLESBURY di Carlotta Berti; come corti SALVO di Federico Cammarata, NON LO FARÒ PIÙ di Francesco Falaschi, CORRI di Leonardo Angeli e LA ZONA di Paolo Maggi. Nel corso della rassegna, che si svolgerà come di consueto presso il Cinema Teatro Masaccio di San Giovanni Valdarno, avrà luogo un evento speciale, organizzato in collaborazione con vari Isrtituti scolastici del comprensorio valdarnese con la partecipazione in sala degli studenti, che prevede la proiezione del film-documentario IN PRIMA LINEA di Matteo Balsamo e Francesco Del Grosso. Ulteriori iniziative e premi speciali, cosi come il palinsesto completo della programmazione saranno rivelati nelle prossime settimane. 

  Sito ufficiale: https://www.valdarnocinemafilmfestival.it/

 Ufficio stampa nazionale: Elisabetta Castiglioni +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it Ufficio stampa Toscana: Sebastiana Gangemi +39 393 9708226 - sebastianagangemi@gmail.com 

                                                               Giò Di Giorgio

lunedì 13 settembre 2021

17-18 settembre: Festival Pergolesi Spontini e Verdi Viva per la danza con E.sperimenti Dance Company con il Sostegno di M.I.C. e Regione Marche, il Patrocinio di Comune di Corinaldo (An), CMS e Federculture In scena 50 MIN/MQ ePer…inciso 17 settembre, Festival Pergolesi Spontini ore 21.00 Piazza della Repubblica, 9 – 60035 Jesi (AN) 18 settembre, Verdi Viva ore 21.00 Piazza Giuseppe Verdi, Bologna

 


Al chiuso e all'aperto la danza di E.sperimenti Dance Companynon si ferma con due nuovi appuntamenti all'interno di due delle cornici storiche di spettacolo dal vivo nelle Marche e in Emilia Romagna: al Festival Pergolesi Spontini di Jesi (AN) il 17 settembre e al Viva Verdi di Bologna il 18 settembre. Un doppio appuntamento che entra a passo di danza nell'autunno con due spettacoli che segnano due passaggi fondamentali per la compagnia: al Pergolesi l'ultima produzione firmata dalla coreografa Federica Galimberti, 50MIN/50MQ,nata durante il lockdown, e al Viva Verdi la prima, Per inciso che ha segnato nel 2015 il debutto assoluto di EDC e che l'ha vista negli anni impegnata sui palchi di New York, Bangkok, Kualalumpur. 


50 MIN/MQ, in scena il 17 settembre al Festival Pergolesi di Jesi è una rappresentazione intima dei danzatori, che mostrano emozioni e sensazioni frutto del periodo di difficoltà post-lockdown, spesso contrastanti ed euforiche, coinvolgenti perché vera immagine emotiva degli artisti. Come nelle prime rappresentazioni, la performance evidenzia la chiusura, fisica ma non mentale, costretta dalla pandemia. Uno spettacolo che muta, si chiude in modo diverso a dimostrazione che l’uomo è sempre in movimento, alla ricerca di nuove emozioni, nuove sensazioni e nuovi palcoscenici. Protagoniste di Per…inciso, in scena il 18 settembre al festival Verdi Viva di Bologna sono ‘incisioni’ dei grandi cantautori italiani che hanno raccontato l’Italia nei loro testi e nelle melodie. Per ‘inciso’, per sottolineare e ribadire il concetto di Libertà, come espresso nei due monologhi teatrali che ironicamente punteggiano lo spettacolo, con una sottile riflessione di quanto quella libertà “cantata” sia esaltata e vada tutelata.


 I performers, con contaminazioni di stili e tecniche, dal contemporaneo all’hip hop, si esprimono in scena facendo convivere tradizione ed innovazione, gio-vani e non più giovani. Un danzare fortemente teatrale e volutamente leggero carico di sorriso e ironia, cifra stilistica di E.sperimenti Dance Company che racconta musica, canta movimento e danza parole. 


Dall’intramontabile ‘Nel blu dipinto di blu’, anni ’60, fino al rap di Jovanotti, passando attraverso Gaber, De Andrè, Guccini o Capossela, è l’Italia ad essere protagonista. l’Italia di ieri con le melodie del passato e le voci più care al pubblico italiano che unisce, come sempre accade, generazioni diverse con vissuti ed emozioni analoghe in un’operazione culturale significativa e dal messaggio sempre attuale. 

  La produzione dello spettacolo è del Gruppo Danza Oggi (GDO). Biglietti disponibili sui circuiti ufficiali. Info: promozione.ilgdo@gmail.com 

Ufficio Stampa HF4 Marta Volterramarta.volterra@hf4.it 340.96.900.12 

                            Giò Di Giorgio

SPOLETO JAZZ SEASON 2021

 Image



 

Venerdì 8 ottobre

Enrico Pieranunzi - Unlimited

Teatro Nuovo - Largo Beniamino Gigli - Spoleto PG

 

Venerdì 22 ottobre

Reis/Demuth/Wiltgen - Sly

Teatro Caio Melisso - Piazza del Duomo, 4 - Spoleto PG

 

Venerdì 12 novembre

BartolomeyBittmann - Dynamo

Teatro Caio Melisso - Piazza del Duomo, 4 - Spoleto PG

 

Biglietti in vendita sul circuito Vivaticket

https://bit.ly/vivaticket_biglietti_sjs2021

 

Seconda edizione per Spoleto Jazz Season che, dopo un anno di interruzioni dovute all'emergenza Covid, riprende il suo calendario con tre appuntamenti di grande respiro internazionale. Silvia Alunni, direttrice artistica della manifestazione e presidente dell'Associazione Visioninmusica attiva da oltre un ventennio in Umbria con concerti originali e innovativi nella scelta di formazioni, giovani talenti e sonorità trasversali, presenta un programma con tre performance di assoluto livello artistico che mira a soddisfare l’esigente pubblico di appassionati di musica di tutto il centro Italia, ma è proteso anche ad incuriosire i neofiti ed inserirsi adeguatamente nella sofisticata tradizione culturale della città.

 

Si comincerà Venerdì 8 ottobre, al Teatro Nuovo, con Enrico Pieranunzi e il suo Unlimited, una straordinaria avventura musicale in cui ogni brano è un racconto sonoro, da gustare nota per nota. Un concerto che è un compendio della poliedrica carriera di Pieranunzi, che lo ha visto cimentarsi con jazz, blues, musica del periodo barocco e un’infinità di generi e stili. Il suo orizzonte musicale è pressoché senza confini, tanto da essere riconosciuto come uno tra i più versatili artisti della scena musicale europea.

 

Venerdì 22 ottobre, al Teatro Caio Melisso, si esibirà invece il trio Reis/Demuth/Wiltgen. Michel Reis (piano), Marc Demuth (basso) e Paul Wiltgen (batteria) sono tre elementi di spicco dell’effervescente panorama musicale jazz lussemburghese che hanno vissuto il loro momento chiave nella collaborazione con il sassofonista di fama mondiale Joshua Redman, con il quale hanno condotto una tournée europea nel 2018, replicata nel 2019 con una serie di apparizioni a festival in Francia, Svizzera e Lussemburgo. Sly (2021) è il loro ultimo album, pubblicato per l’etichetta italiana CAM Jazz e che in quest’occasione sarà presentato dal vivo, insieme ai migliori brani del loro repertorio.

 

Venerdì 12 novembre, al Teatro Caio Melisso, andranno in scena con il loro ultimo progetto Dynamo i tanto attesi BartolomeyBittmann, un formidabile duo strumentale formato da Matthias Bartolomey (violoncello) e Klemens Bittmann (violino e mandola), nel quale dinamica e intensità mutano inaspettatamente, con sensibilità e precisione. L’energia del rock lascia spazio all’eleganza cameristica, la libera inventiva del jazz si combina con la profondità melodica, con richiami anche alla musica folk e, di tanto in tanto, alle radici classiche da cui entrambi provengono. "Progressive" è il loro modo di comporre e fare musica, per creare un repertorio originale ed esteticamente connesso con il mondo musicale di oggi, suonando strumenti che hanno invece una tradizione antica.

 

I biglietti dei concerti sono acquistabili direttamente in teatro o, con diritto di prevendita, sul circuito Vivaticket. Per accedere ai concerti, come da circolare del Ministero della Salute, è obbligatorio esibire il greenpass.

Associazione Visioninmusica

tel. +39 0744 432714 - cell. +39 333 2020747

info@visioninmusica.com - www.visioninmusica.com

 


 

 


 

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it


Giò Di Giorgio



venerdì 10 settembre 2021

LE FINALISTE ABRUZZESI PER IL CONCORSO DI MISS MONDO ITALIA IN PARTENZA PER LA FINALE NAZIONALE DI GALLIPOLI, LE 4 MISS SONO LORENZA MAMMARELLA, NICOLE PESARESI, ELISA SCARICACIOTTOLI E MORENA TETI.

 


Chieti,Al Gran Caffè Vittoria storico locale della città teatina, ieri sera si sono ritrovate le 4 finaliste abruzzesi di Miss Mondo Abruzzo in partenza per le fasi prefinali nazionale di Miss Mondo Italia, che si terrà dal 10 al 26 settembre a Gallipoli. 



L’agenziaFourevent esclusivista regionale del concorso ha voluto brindare con le ragazze per un buon auspicio con la speranza che una di loro possa salire sul podio più alto del concorso,  mai vinto da una miss abruzzese.

Le 4 miss che ci rappresenteranno sono: Lorenza Mammarella 24 anni di Chieti, universitaria e ballerina, Nicole Pesaresi 20 anni di Montefano(MC), universitaria e modella, entrambe hanno il titolo e fascia di Miss Mondo Abruzzo, a loro si uniscono altre 2 semifinaliste: Elisa Scaricaciottoli 17 anni di Ortona(Ch) studentessa e ballerina e Morena Teti 22 anni di Lanciano(Ch) universitaria in scienze infermieristiche.

Grande soddisfazione per gli organizzatori regionali della Fourvent presenti alla serataLaika D’Agostino responsabile, Annabruna Di Iorio presentatrice ufficiale e volto mediaset, Camillo Del Romano direttore artistico, Gisela Di Pasquale marketing, Francesco Rosato resp.grafica, Valerio Memmo collaboratore, presenti inoltre Ninoska Valenzafotografa ufficiale e Andrea Milazzo fotoreporter.

Le finaliste abruzzesi sono state elette nella finale regionale che si è tenuta lo scorso 3 settembre a Giulianova (Te).

Chieti, 10 settembre2021                                 Camillo Del Romano

DOPO 79 GIORNI A PIEDI E IN BICICLETTA, ARRIVA OGGI A ROMA LA STAFFETTA EUROPEA DELLA VIA FRANCIGENA

 


IL TURISMO SOSTENIBILE AL CENTRO DELLA PROMOZIONE ENIT CON L'AEVF OLTRE 1.500 PERSONE SI SONO UNITE AL GRUPPO, ATTRAVERSATI OLTRE 600 COMUNI DELL'EUROPA E DELL'ITALIA RURALE L'11 SETTEMBRE SI TERRA' LA TAVOLA ROTONDA "I CAMMINI DI ROMA E DEL CENTRO ITALIA" 
Cinque Paesi, 16 regioni e 657 Comuni compongono i 3.200 km totali dello straordinario cammino “Via Francigena - Road to Rome” che oggi 10 settembre raggiunge la Città Eterna, Roma, prima di proseguire verso Santa Maria di Leuca lungo la Via Francigena del Sud. Un lungo viaggio lento che vuole guardare con ottimismo la ripartenza dopo la pandemia e vuole sensibilizzare le istituzioni per rilanciare la candidatura a Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco della Via Francigena, promossa dalle Regioni italiane e dal Ministero italiano della cultura. Significativi i dati registrati dall’Irpet, l’istituto regionale per la programmazione del turismo, che ha analizzato la crescita della Via nel decennio 2009-2019: sul podio la Regione Toscana, dove la Francigena attraversa 37 comuni, che negli ultimi 10 anni ha registrato un aumento pari al 63% di pellegrini e turisti, ma il fenomeno riguarda l'intero percorso. La Francigena diventa così un ponte con l'Europa, un'opportunità di mettere in rete i territori anche grazie la lunga marcia “Road to Rome” che ha coinvolto decine di partner del calibro di Intesa Sanpaolo, Credito Sportivo e Snam, solo per citare alcune aziende - e una sfida da cogliere da parte di strutture e istituzioni che possono beneficiare dell'impatto del cammino in termini economici e culturali. La stima di 60.000 pellegrini all'anno che camminano per almeno una settimana sulla Via Francigena genera una ricaduta sui territori di oltre 20 milioni di euro. "Con le 28 sedi nel mondo Enit ha fatto da cassa di risonanza di questa espressione così corale di turismo sostenibile. Quello di oggi, la tappa nella Città Eterna è un momento simbolico fondamentale per Enit e per l'Italia non solo perché sigla la ripartenza ma anche perchè percorre e realizza in modo ideale un abbattimento dei limiti e delle frontiere imposte dall'emergenza sanitaria. Un ritorno alle esperienze reali in un fil rouge che è uno storytelling fatto di persone che si incoraggiano e incontrano lungo il cammino. Il modo di vivere all'italiana e il Made in Italy sono la peculiarità di questo Paese che è unico e primo al mondo con più siti Unesco. Enit è stata accanto all'esperienza messa in campo dall'associazione vie Francigene con una costante amplificazione mediatica garantendo quasi 300 uscite nazionali e internazionali che sono una boccata d'ossigeno per il settore alle prese con la riconversione sostenibile e per l'immagine della Penisola nel mondo" dichiara il Presidente Enit Giorgio Palmucci. La lunga marcia “Road to Rome” è un'occasione molto importante per far conoscere ad un ampio pubblico internazionale il progetto della Via Francigena, progetto che ha suscitato grande interesse ovunque - sostiene il Presidente AEVF Massimo Tedeschi. L'accoglienza al gruppo di camminatori è stata molto cordiale sia da parte delle autorità locali sia da parte delle associazioni di camminatori che, ad ogni tappa, si sono unite a noi e ci hanno accompagnato. “Via Francigena Road to Rome dopo tre mesi di cammino è arrivato a Roma e resterà fino al 22 settembre nel Lazio – sottolinea Pierluigi Monceri direttore regionale Lazio e Abruzzo di Intesa Sanpaolo. Un viaggio emozionante alla scoperta di borghi e luoghi incantevoli che, come Gruppo Intesa Sanpaolo, abbiamo sostenuto con grande entusiasmo poiché crediamo fortemente nella valorizzazione dei territori del nostro splendido Paese e nella promozione di un turismo culturale e sostenibile che può avere anche importanti ritorni economici a favore di comunità e aree geografiche talvolta meno note al grande pubblico ma non per questo meno interessanti e ricche di opportunità“. Oggi 10 settembre il gruppo del “Road to Rome” verrà accolto in Vaticano, dove potrà recarsi simbolicamente alla tomba di Pietro, nella Basilica di San Pietro. La presenza a Roma sarà poi caratterizzata da alcuni importanti incontri alla presenza del Presidente ENIT Giorgio Palmucci: alle ore 17:30 presso la sede di Civita dove l’Associazione Civita e l’Associazione Europea delle Vie Francigene organizzano la Tavola Rotonda “I cammini verso il futuro: opportunità e priorità del Recovery Plan” e il giorno 11 settembre alle ore 17:30 si svolge la Tavola rotonda "I cammini di Roma e del centro Italia" (presso Istituto Storico e Cultura dell’Arma del Genio) promossa da Fondazione Magna Carta, Agedi e AEVF con il Patrocinio di Enit Con il patrocinio di: elenco completo dei partner a questo link 

  Francesca Cicatelli Ufficio stampa Enit 392 9225216 - francesca.cicatelli@enit.it

                                  Giò Di Giorgio

lunedì 6 settembre 2021

PRIMA MONDIALE Giovedì 8 settembre - Ore 19:30 Sala Volpi Lungomare Marconi – Venezia Lido

 Testo alternativo

EL OTRO TOM

Un film di Rodrigo Plá e Laura Santullo

(Messico/Stati Uniti)

 

In concorso alla 78esima edizione della Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia

sezione "Orizzonti"

 

PRIMA MONDIALE

Giovedì 8 settembre - Ore 19:30

Sala Volpi

Lungomare Marconi – Venezia Lido


EL OTRO TOM

Regia: Rodrigo Plá, Laura Santullo

Produzione: Buenaventura Cine (Rodrigo Plá, Laura Santullo), BHD Films (Alejandro de Icaza, Gabriela Maldonado)

Durata: 111’

Lingua: Inglese, spagnolo

Paesi: Messico, Usa

Interpreti: Julia Chávez, Israel Rodriguez Bertorelli

Sceneggiatura: Rodrigo Plá, Laura Santullo

Fotografia: Odei Zabaleta

Montaggio: Miguel Schverdfinger

Scenografia: Ana J. Belido

Costumi: Malena de la Riva

Suono: Anuar Yahya, María Alejandra Rojas, Chema Ramos Roa


Nell'ambito della 78esima Mostra Internazionale d'Arte cinematografica di Venezia sarà presentato in anteprima alla stampa italiana e internazionale EL OTRO TOM, un film diretto dalla coppia di registi messicani Rodrigo Plá e Laura Santullo. La prima proiezione avrà luogo mercoledì 8 settembre alle ore 19:30 in Sala Volpi, con repliche il 9 e 10 per accreditati e pubblico.  L'opera tratta un tema di grande attualità, ossia l’uso smodato di psicofarmaci nei bambini, tramite un tono intimista, in cui il legame tra una giovane madre e il suo bambino emerge come il nocciolo emotivo della storia. Alla diagnosi di disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività segue spesso la prescrizione di farmaci che tentano di controllare e calmare ma che, alla resa dei conti, non curano: la ricerca di una soluzione alternativa e il rischio di sfidare il protocollo con coraggio ma senza una soluzione certa sono emblematici in questa storia.

Dopo il Festival di Venezia, dove concorre nella sezione "Orizzonti", El otro Tom sarà proiettato in prima nordamericana al TIFF (Toronto International Film Festival) nella sezioneContemporary World Cinema.

 

SINOSSI: Elena è una madre single e dipende dai servizi sociali. Il figlio Tom ha problemi comportamentali e a scuola viene etichettato come ‘bambino problematico’. Il loro difficile rapporto è ulteriormente complicato da una figura paterna assente. In seguito a una diagnosi di disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività, a Tom vengono prescritti degli psicofarmaci. Tuttavia uno strano episodio mette in allarme la madre in merito agli effetti collaterali. Quando la donna si rifiuta di continuare a somministrargli i farmaci, i servizi sociali minacciano di allontanare Tom da lei.



Rodrigo Plá (Regia/Sceneggiatura) – Regista, sceneggiatore e produttore messicano-uruguaiano, ha all'attivo i seguenti lungometraggi: La Zona (Venezia, 2007), Desierto adentro (Cannes, 2008), La demora (Berlinale, 2012), Un monstruo de mil cabezas (Venezia, 2015) e El otro Tom, in anteprima a Venezia nel 2021. I suoi film sono stati premiati con numerosi premi e riconoscimenti.

 

Laura Santullo (Regia/Sceneggiatura) – Laura Santullo è nata in Uruguay ma vive in Messico da più di 20 anni. È sceneggiatrice di film e scrittrice di narrativa. È riconosciuta a livello internazionale per il suo lavoro come sceneggiatrice, collaborando con il regista e compagno di vita, Rodrigo Plá. Hanno due figli, Martin e Lucas. Santullo ha scritto le sceneggiature per tutti e quattro i lungometraggi di Plá, che sono adattamenti cinematografici di storie da lei scritte. Il loro ultimo film, Un mostro dalle mille teste, era basato su un romanzo con lo stesso nome scritto da Santullo, pubblicato nel 2016. Le sceneggiature di Santullo coinvolgono madri in situazioni estreme che descrivono un senso di differenza di classe. Come sceneggiatrice, ha ricevuto diversi premi per il suo lavoro, tra cui tre Ariel (2008, 2013, 2016) un premio assegnato dall'Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche del Messico. Ha anche ricevuto il premio per la migliore sceneggiatura al 13° Festival internazionale del cinema di Atene (2007), solo per citarne alcuni. Ha anche ottenuto nomination per la migliore sceneggiatura non originale ai Goya Awards in Spagna (2007) e ai Fénix Awards (2016) nella categoria Miglior sceneggiatura. Al di fuori della sua scrittura cinematografica ha scritto e pubblicato sei libri: "The Other Side"; "Un pallone da Cantoya", "Un mostro dalle mille teste", "L'anno dei segreti", "Vennero con il vento e "L'altro Tom".


UFFICIO STAMPA:


REGGI&SPIZZICHINO Communication
+39 338 8800199 +347 6879999 +39 348 0646089
info@reggiespizzichino.com
http://www.reggiespizzichino.com

in collaborazione con

Elisabetta Castiglioni Press Office & Public Relations

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

http://www.elisabettacastiglioni.it/


Giò Di Giorgio