giovedì 16 maggio 2019

AL SENATO IL CONCERTO DEL M° VINCE TEMPERA CHE HA CELEBRATO LA DOLCE VITA


Le grandi Musiche da film  da “La Dolce Vita” di Federico Fellini a “Kill Bill” di Quentin  Tarantino


Nella Sala Koch di Palazzo Madama, gremita di pubblico, si è tenuto  il Concerto 
"La Dolce Vita - Le grandi Musiche da Film da “La Dolce Vita” di Federico Fellini a “Kill Bill” di Quentin Tarantino", organizzato   dall'Associazione Naschira su iniziativa di  Barrett International Group, con il Patrocinio del Senato della Repubblica e con il contributo della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele. 

Emozioni e anche un po' di nostalgia quando dal pentagramma le note suonate dai musicisti hanno dato vita a melodie fantastiche che hanno rievocato la Dolce Vita. Alla direzione e al pianoforte il M° Vince Tempera, accompagnato dall’Ensemble “Umberto Giordano”, quartetto d’Archi composto da: Marcello De Francesco (1°violino), Pantaleo Gadaleta (2° violino), Dino De Palma (viola), Luciano Tarantino (violoncello).  L’evento è stato condotto da Virginia Barrett.

Applausi scroscianti fin dalla prima nota del tema di Nino Rota “"La Dolce Vita" e poi, ancora, “La strada", "8 e mezzo", "Il Gattopardo", "Il Padrino" e poi di Ennio Morricone Temi da "Giù la testa", "Metti una sera a cena" e "C'era una volta il west". Inoltre Temi originali tratti dalle colonne sonore composte dal M° Vince Tempera tra i quali “7 Note in nero” usata da Quentin Tarantino nel suo famoso Film “Kill Bill”.  Il Concerto è stato impreziosito da omaggi a Totò,  Stelvio Cipriani,  Luis Bacalov, Riz Ortolani e da aneddoti raccontati dal M° Vince Tempera e brevi monologhi recitati da Virginia Barrett.

Un tuffo nel passato per riascoltare i brani più famosi delle grandi colonne sonore di tutti i tempi. Un'occasione che ha trasportato nei ricordi dei periodi più belli del Cinema Internazionale tutti gli ospiti, intervenuti numerosissimi: in primis il Senatore Francesco Maria Giro, che ha voluto l’evento in Senato. Poi: Francesca Rettondini, Alma Manera, Antonella Angelucci, Maria Teresa Battaglia, attrice cara a Federico Fellini, Adriana Bruni, figlia del grande maestro Sergio Bruni, l’attore Francesco Forte, Cristina Sciabbarrasi, Sara Pastore (soprano-attrice figlia di Aichè Nana). 

E al momento della proiezione delle immagini del film “Anna”, che ha visto come protagonista Silvana Mangano, il maestro Vince Tempera ha coinvolto nella presentazione la figlia Veronica De Luarentiis, presente in sala, che non ha potuto frenare un momento di grande emozione. 

Tra gli ospiti, ancora: Giovanni Pallotta, maestro orafo autore dei preziosi riconoscimenti al M° Vince Tempera e al senatore Francesco Maria Giro, Conny Notarstefano, Miss World Italy 2017 e Miss Rossonera 2014, Erica De Matteis, Miss Universe Italy 2018. Ad accogliere gli ospiti bellissime le modelle di Miss Universe Italy che indossavano preziose creazioni a Tema di Lara Roggi Atelier.
Il Concerto si sposterà in tour a partire dal 22 Maggio con la Prima tappa al Teatro “Umberto Giordano” di Foggia.


Ufficio Stampa: Ennio Salomone

Daniela Dal Lago

lunedì 13 maggio 2019

"MISS MAMMA ITALIA 2019" A Pomezia, per la tappa laziale



La migliore dedica che si poteva realizzare per la festa più bella del mondo “Miss Mamma Italiana 2019”, Domenica 12 Maggio al Centro Commerciale 16 Pini a Pomezia, presentata egregiamente dall’ex Miss mamma,Gabriella Ferrari, alla presenza del patron Paolo Teti che mette in campo la sua eccellente organizzazione.

Vince questa tappa nel Lazio la bellissima Benedetta Mazzi la numero 12, alta, fisico perfetto, mora mediterranea, che ha stupito tutti con uno sketch comico e poi un esercizio ginnico con la ruota finale.

Infatti le miss hanno affrontato oltre alle prove come modelle esibizioni artistiche di ottimo livello: ballo, canto, recitazione e cucina, votate da una giuria di esperti:

Presente tra gli ospiti la Scrittrice Anna Silvia Angelini premiata con  la fascia fuori concorso di Miss Mamma Italiana 2019 AIDE Nettuno associazione indipendente donne europee e autrice del libro “La Violenza Declinata” 

 l’impeccabile organizzatrice ex modella Enza Barilla che ha realizzato parte del cast, il presentatore, autore di Numeri Uno Rai2 e musicista Angelo Martini, 

la conduttrice Pamela Olivieri stilista di Shine Intimo, la giovane l’indossatrice Camilla Spinelli, l’imprenditrice Melissa Martina, Il mister Simone Carabella, Walter Giustino ex comandante stazione Carabinieri e tanti altri, tra cui Cristina Roncalli nipote di Papa Roncalli. 
Toccante l’esibizione di ballo in carrozzella della Miss Laura Piarulli che ha commosso tutti.

Daniela Dal Lago






L'EMIGRANTE Format radiofonico e televisivo,ideato e condotto da Gio' Di Sarno in onda su Radio Italia Anni 60 ( FM 100.5 ) tutti i martedì dalle 18 alle 19, prossimo martedì la mitica giornalista Rai del TGR, Roberta Ammendola

                               Le Interviste de l'emigrante di Giò Di Sarno


Roberta Ammendola è una immigrata campana, trasferitasi nella Capitale dove oramai risiede stabilmente. Nata a Salerno il giorno della festa della Repubblica, come orgogliosamente ama sottolineare. Cresciuta ad Ottaviano , cittadina immersa nel Parco nazionale del Vesuvio. La provenienza vesuviana (a me molto cara), l’esperienza delle Tv private campane, la passione per il teatro e in particolar modo per il musical, la luce da scugnizza che traspare dai suoi occhi, ne fanno una giornalista singolare. Una presenza che buca il video non solo per la bravura e per la competenza, ma anche per tutto un vissuto che difficilmente si impara se non su “quel” campo. Volto del TGR, conduttrice di “Buongiorno Italia” (spazio di informazione nazionale) dove ha anche una rubrica di Teatro, Musica e Cinema. Ha viaggiato tanto per motivi professionali diventando una figura familiare per gli italiani all’estero. Come spesso accade, lavoro e vita privata si intrecciano e camminano di pari passo. E’ molto impegnata nel sociale legata come è da un filo indissolubile con  “l'associazione Gabriele Viti” per la quale ogni anno organizza e conduce uno spettacolo-evento, “Il cassetto dei ricordi”. Sposata con Alberto, papà della sua piccola Vittoria.

                                “Roberta in un momento di relax a Formentera”

Come ricordi la tua infanzia e adolescenza?

Piena di cose, di affetti, di viaggi, di esperienze, di musica, di danza… piena. Sia l’infanzia che l’adolescenza. Ho vissuto a pieno anche una realtà che in fondo non mi apparteneva e che fin da piccola sognavo e guardavo. Un mondo che poi in fondo per certi versi mi ha coinvolto e portato a sè.
 - Hai lavorato per Tele Akery e C21, due emittenti campane molto note e hai studiato all’Università a Salerno. Appena ventiduenne diventi giornalista professionista e volto dell’”Associazione Internazionale Italiani nel Mondo”. Che ricordi hai di quei periodi?
 Bei ricordi, difficili da raccontare perché così frenetici, pieni e vari che a pensarci adesso mi sembra impossibile aver vissuto tutto in così pochi anni. Tramite la mia passione per la danza ed il teatro mi sono avvicinata a persone che poi mi hanno fatto conoscere queste realtà locali. Amavo tanto scrivere, parlare, raccontare e mi son trovata a far la giornalista. Era il mestiere che più poteva dare una direzione e un senso a quel che facevo per passione. Mi sono iscritta a Salerno perché l’avventura di questo corso di studio partiva da lì. E da lì ho cominciato anche a delineare la mia professione, ma senza tralasciare mai il resto. Una gran fatica. Mi sono laureata in quattro anni e una sessione mentre già lavoricchiavo, poi ho cominciato a viaggiare e frequentare la capitale.


                                        “Roberta a Teatro con Massimo Romeo Piparo”

Ci racconti dell’incontro con l’associazione “Gabriele Viti” e dell’evento che ormai è arrivato al settimo anno?
 Uno tra i regali più belli che mi ha fatto questo lavoro. Durante una diretta molto particolare in un reparto pediatrico dell’ospedale Umberto Primo di Roma ho conosciuto un uomo speciale e la sua grande famiglia. La sua personale e quella della sua associazione. Lui si chiama Pietro Viti... si chiamava. Aveva perso il suo piccolo Gabriele per il più terribili dei mali e aveva dedicato la sua vita a rendere meno doloroso il percorso di tante piccole anime come quella di suo figlio e di tanti altri coraggiosi genitori. Genitori coraggiosi, straordinari, un’associazione senza portafoglio che viveva di donazioni e dell’impegno anche economico di chi la viveva. Facevano un piccolo spettacolo in una parrocchia tra stornelli, poesie e recite amatoriali per raccogliere fondi. L’anno dopo esserci conosciuti ho condotto in parrocchia la loro serata. Sono passati sette anni, la parrocchia è diventata il teatro Sistina, la compagnia amatoriale è rimasta affiancata dai più grandi nomi dello spettacolo italiano e la serata tra amici è diventata un evento da 1600 persone a serata: "Il cassetto dei ricordi", per riprendere il titolo di una delle poesie scritte da papà Pietro per Gabriele.


                                                         “Roberta con il marito e la figlia”

Roberta donna, lavoratrice e mamma, come organizza le proprie giornate? Non lo so. Sinceramente ancora non so come faccio a sopravvivere. Non abbiamo alcun aiuto, solo tanta forza fisica e di volontà. E abbiamo una bambina, e una rete di amicizie, speciali. Ho orari impossibili e anche mio marito lavora tutto il giorno. La bimba frequenta una scuola privata con mille attività. Viene con me e con noi dovunque, eventi, teatro, viaggi. E, davvero, non so come faccio.

  Progetti futuri?
 Tanti! Per tutto quello che ti ho raccontato, tra un passato ingombrante, un presente 
pienissimo e tanti sogni. 

Ufficio stampa Giò Di Giorgio